DETTAGLI DIMENTICATI?

CREA ACCOUNT

LA CITTA’ E LO SVILUPPO. CRESCITA E DISORDINE A TORINO 1945-1970 – 1°ed.2002

29,90 

Disponibile

L'articolo verrà spedito in 1-3 giorni lavorativi

Descrizione

LA CITTA’ E LO SVILUPPO

CRESCITA E DISORDINE A TORINO 1945-1970

Collana: Istituto piemontese per la storia della Resistenza

e della società contemporanea

Franco Angeli, Milano, 2002

Brossura ed. / Softcover

in 8°, dim: 16,5 x 23 cm, 608 pag.

PRIMA EDIZIONE / FIRST EDITION

Questo volume – frutto di una ricerca triennale che ha coinvolto una decina di studiosi – rappresenta il tentativo di interpretare le profonde trasformazioni e la condizione di evidente disordine che Torino ha conosciuto nei vent’anni successivi alla seconda guerra mondiale. La ricostruzione post-bellica e il successivo sviluppo accelerato centrato intorno all’espansione della Fiat sono qui considerati da un lato nella loro dimensione quantitativa e dall’altro privilegiando alcuni temi e momenti della storia cittadina, come l’immigrazione e il suo impatto sul contesto politico locale, le scelte urbanistiche, la realtà del commercio, le celebrazioni per Italia ’61, le grandi opere realizzate con il contributo della municipalità, gli andamenti elettorali, ecc. Da tutto questo emerge una pluralità di esperienze e di soggetti politici, sociali, economici e culturali che hanno agito sul territorio urbano segnandone profondamente la storia successiva.

I saggi si offrono dunque come un’analisi inedita e mirata di alcuni dei problemi più significativi e meno indagati di quegli anni e, proprio per questo, costituiscono un contributo molto utile alla comprensione della Torino di oggi.

Indice

·        Fabio Levi , Introduzione

·        Bruno Maida , Presentazione

·        Stefano Musso , Lo sviluppo e le sue immagini. Un’ analisi quantitativa. Torino 1945-1970. (L’immagine della città; Demografia e movimenti migratori; La geografia urbana; Le condizioni abitative; Strutture produttive e composizione sociale; Le eredità dello sviluppo)

·        Marta Margotti , La chiesa cattolica di Torino di fronte ai processi di modernizzazione: il caso dell’immigrazione (1945-1965) (Chiesa e città in trasformazione; I “nuovi parrocchiani” tra assistenza, integrazione e nuove chiese. L’immigrazione vista dalla curia diocesana; Dall’emergenza all’organizzazione dell’accoglienza: il Centro assistenza immigrati; “Giudicare, organizzare, agire”: l’Azione cattolica, le parrocchie e gli immigrati; “La voce del Popolo”: il settimanale diocesano e l’immigrazione; Alcune considerazioni conclusive)

·        Fiammetta Balestracci , Immigrati e Pci a Torino 1950-1970. (Gli anni ’50; La debolezza organizzativa del Pci all’arrivo dei primi immigrati; Dalla polemica contro l'”antinazionale e antipopolare politica migratoria” alle prime iniziative; 1958: la prima campagna elettorale rivolta anche agli immigrati; Gli anni ’60; Nuove soluzioni organizzative per una nuova politica più vicina alla città e agli immigrati; La ricerca di un rapporto diretto in una stagione di intensa attività; Il gruppo di lavoro di Giuseppe Rizzo 1967-1970; Il modello di integrazione proposto dal Pci a Torino; Appendice. Gli iscritti del Pci a Torino, 1945-1970 e le sezioni del Pci a Torino, 1950-1970)

·        Bruno Maida , Un “male necessario”. Piccoli commercianti e processi di trasformazione nel secondo dopoguerra (1945-1965) – (Una lenta ripresa: razionamento e protesta popolare; La rinascita dell’Associazione commercianti I problemi della categoria (1945-1950); I rapporti con la politica: dal pluralismo alla “dittatura” di Demarchi; Le sfide rinviate: sviluppo economico tra immobilismo e trasformazione (1950-65); Una conclusione provvisoria: vecchie e nuove paure)

·        Daniela Adorni , La città domandata: il dibattito sulle riviste di urbanistica. (Le riviste analizzate; La necessità della pianificazione; Un nuovo Piano regolatore per Torino (la prima fase); Il Piano regolatore per la regione Piemonte (ABRR) e la proposta di piano intercomunale di Rigotti; I Piani regolatori nei piccoli e medi comuni; Il nuovo Piano regolatore per la città (la seconda fase))

·        Daniela Adorni, Paolo Soddu , Una difficile ricostruzione: la vicenda del nuovo Piano regolatore. (Le amministrazioni comunali e il nuovo Piano regolatore: il problema; La politica urbanistica della giunta di sinistra Le premesse: l’opera della Giunta Popolare; Il concorso nazionale; La tormentata crescita della città; Lo “scandalo Casalini”: un conflitto di interessi; Il “processo” alla politica urbanistica della giunta di sinistra; In attesa del Prg; La ricostruzione senza piano; Alla vigilia della discussione del Prg; Il nuovo Prg in aula; Il piano elaborato dalla Commissione esecutiva; Primi problemi; La Relazione Cravero; La discussione; Gli emendamenti e l’approvazione definitiva)

·        Massimo Moraglio , Amministrazioni locali e infrastrutture a Torino: 1945-1967 (Torino nell’immediato dopoguerra; La ricostruzione e i primissimi anni ’50 (1946-1951). Le giunte socialcomuniste; La prima giunta Peyron (195 1-1955); La crescita della città e il boom economico (1955-1961); La rincorsa dei bisogni (1961-1967); Le infrastrutture per lo sviluppo: un quadro d’insieme)

·        Marco Scavino , Sviluppo economico e culture del conflitto. Grande industria e sindacati negli anni del boom economico. (L’immagine incerta dello sviluppo e il dibattito sul neocapitalismo; I limiti del rinnovamento)

·        Giovanni Garbarini , Elezioni a Torino. (Il pretesto: anomalie; Il palinsesto. Stabilità o fluidità?; Il contesto locale. Il voto ai partiti nel corso del tempo; Il contesto sociale e le elezioni)

·        Maddalena Rusconi , Italia ’61: l’immagine di Torino in trasformazione. (“Scene di panico: lo spettacolo è sospeso”; Le diverse manifestazioni; I luoghi di decisione; Nuovi soggetti irrompono sulla scena Torino 1961: per un rilancio della città; Torino, risorgimento come legittimazione; L’altra dimensione del rilancio: il dinamismo economico; Italia ’61: la retorica in muratura; Conclusioni)

·        Laura Garau , La campagna elettorale amministrativa del 1951. (La legge elettorale; Amministrazione e politica; La necessità di programmare una nuova città; Per una storia della comunicazione politica nel dopoguerra a Torino: nota sui materiali di lavoro).

COPIA IN OTTIMO STATO, minime tracce d’uso / VERY GOOD

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LA CITTA’ E LO SVILUPPO. CRESCITA E DISORDINE A TORINO 1945-1970 – 1°ed.2002”
0 su 5
fulvio.frola@libero.it
3478214052
Non ci sono altre offerte per questo prodotto!

Politica di spedizione

ATTENZIONE!

Concordare sempre col venditore i costi e le modalità di consegna prima di completare l'acquisto se le spese per la spedizione non sono indicate.

Ogni negozio presente su 1Solo.com è indipendente e responsabile in proprio in tutto e per tutto quanto concerne la spedizione del bene acquistato dal Cliente finale. I negozianti presenti su 1Solo.com trattano, in buona parte, oggetti delicati, di misure e pesi anche considerevoli come, ad esempio, gli Arredi di Antiquariato. Pertanto le modalità di spedizione possono variare, anche di molto, sia in termini di tempistiche sia nei termini di costo.

L’utente è tenuto a richiedere al venditore, in caso di prodotti messi in vendita senza specifiche indicazioni,  il costo di spedizione e le tempistiche preventivate di consegna dal momento dell’esecuzione del pagamento tramite l’apposito pulsante presente su ogni prodotto. Normalmente le spese necessarie per la spedizione della merce sono calcolate sull'ingombro effettivo degli oggetti e la loro destinazione. Tutti i negozianti si avvalgono dei principali corrieri sul mercato così come di spedizionieri di fiducia. In taluni casi il Cliente può concordare il ritiro presso il punto vendita o i magazzini del negozio, così come concordare la consegna comprensiva di montaggio della merce acquistata. I costi di spedizione concordati si dovranno considerare da ambo le parti inclusive dell’imballaggio.

È sempre diritto dell'acquirente controllare la merce prima del ritiro da parte del trasportatore e decidere, in caso di rotture, deterioramenti o non conformità con quanto acquistato, di non accettare la consegna senza aggravi.

Per verificare i diritti dell'acquirente approfondisci QUI.

Per maggiori informazioni sulle modalità di reso e rimborso leggi QUI.

Politica di rimborso

Diritto di recesso e rimborso
Nel caso in cui la stipula di un contratto di acquisto avvenga tramite sistemi di vendita on-line (e-commerce), la vendita è da considerarsi assoggettata al D.Lgs n. 206 del 6/09/2005, che prevede la possibilità da parte dell'acquirente di esercitare il diritto di recesso. Tali normative si riferiscono esclusivamente alle persone fisiche (consumatori finali). Non è applicabile per acquisti cosiddetti C2B (da privato che vende o cede un bene ad un operatore, come nel caso di privato che venda un bene da restaurare o da rivendere ad un negoziante) o B2B (da operatore ad altro operatore) che agiscono per scopi che possono considerarsi estranei alla propria attività commerciale. Sono perciò esclusi dal diritto di recesso, gli acquisti effettuati da rivenditori e da aziende. È escluso, per tanto, dal diritto di recesso chi comunica al fornitore la propria partita iva.

Recesso
Come prevedono le suddette normative il Cliente finale possiede il diritto di recedere dal contratto di vendita del bene acquistato, anche se già effettuato il pagamento, entro 14 giorni, senza fornire alcuna motivazione al rivenditore.

Il periodo di annullamento scadrà dopo 14 giorni dal giorno in cui si acquisisce il possesso fisico dell'ultimo bene (ATTENZIONE: dal momento in cui il Cliente lo ritira, non da quando viene spedito).

Tale diritto consiste nella facoltà di restituzione del bene acquistato al venditore e nel conseguente rimborso del prezzo di acquisto inclusivo delle spese di spedizione eventualmente addebitate al Cliente finale per la ricezione del bene. 

Il costo delle spese per la restituzione del bene al venditore sono a carico del Cliente finale salvo diversi accordi con il singolo negozio.

Da tale diritto di recesso, come prevede il Codice del consumo all’art. 59 vi sono alcune fattispecie di acquisti a distanza per i quali resta del tutto escluso il diritto di recesso.

Nella categorizzazione indicata dalla legge si ritrova, in via esemplificativa:

  • la fornitura di beni personalizzati o confezionati su misura;
  • la fornitura di beni deteriorabili;
  • la fornitura di beni sigillati che, per motivi di sicurezza o di salute, non si prestano alla loro restituzione dopo l’apertura;
  • la fornitura di bevande alcoliche il cui prezzo, concordato, sia legato a fluttuazioni di mercato e la cui consegna non possa avvenire prima di 30 giorni;
  • la fornitura di giornali, riviste e periodici;
  • la fornitura di video/audio/software consegnati sigillati e che siano stati aperti;
  • i contratti in cui il consumatore ha specificamente richiesto una visita da parte del professionista ai fini dell’effettuazione di lavori di riparazione o manutenzione.

Come esercitare il diritto di recesso, di reso e rimborso
Il Cliente, salvo casi in cui il prodotto acquistato non sia un prodotto restaurato con richieste particolari da parte dello stesso acquirente o che il prodotto sia stato in qualsiasi modo personalizzato, per poter procedere ad esercitare il diritto di reso dovrà comunicare, entro 14 gg., la sua intenzione ad 1Solo.com e/o direttamente al venditore.

Il negoziante o il collezionista avrà il dovere di accettare il recesso se la relativa comunicazione da parte del Cliente avviene entro il periodo sopra richiamato, anche allorquando 1Solo.com lo vada a notificare superati i 14 gg., ed istruire il Cliente sulle modalità di riconsegna del bene al negozio, con costi di spedizione o consegna comunque a carico del Cliente. Una volta ricevuto il bene da parte del Cliente finale il negoziante ne verificherà l’integrità. In caso non avvengano contestazioni di sorta (a mero titolo esemplificativo senza presunzione alcuna di esaustività: prodotto palesemente manomesso o rovinato, prodotto rotto, ecc.) da parte del negoziante, quest’ultimo avrà un tempo di 10 (dieci) gg. per poter effettuare il rimborso con le modalità concordate con il Cliente finale.

Il Cliente per poter comunicare la volontà di recesso sarà obbligato a fornire al venditore i seguenti:
- codice articolo/i o denominazione del prodotto;
- codice o copia del documento di consegna
- coordinate bancarie (IBAN, BIC e SWIFT) per il riaccredito mediante bonifico.

Entro lo stesso termine di quindici giorni lavorativi il Cliente deve rispedire o riconsegnare personalmente la merce integra e, se imballata, con lo stesso imballaggio usato (in caso di confezioni originali) per la consegna, a meno che non si trattasse di imballaggio di mero impiego per finalità di protezione del bene che dovrà essere comunque protetto in modo corretto. La spedizione al mittente (negozio) sarà comunque a carico, costo e responsabilità del Cliente.

Giurisdizione e Foro Competente
Ogni controversia relativa all'applicazione, esecuzione, interpretazione e violazione dei contratti d'acquisto stipulati sul sito web 1Solo.com è sottoposta alla giurisdizione italiana. Le presenti condizioni generali si riportano, per quanto non espressamente ivi previsto, al disposto del decreto legislativo n° 206 del 6.09.2005. 

Per qualsiasi controversia tra le Parti in merito al presente contratto sarà competente il Foro di Torino (TO) (Italia).

Scarica QUI il modulo di richiesta di reso.

Politica di cancellazione / restituzione / cambio

Restituzione e cambio
Nel caso in cui il Cliente abbia deciso di restituire il bene acquistato o di cambiarlo (ad es. per modificare la taglia di un capo di abbigliamento o un accessorio moda) le spese di spedizione per la restituzione e il nuovo invio, in caso di cambio, sono a carico del Cliente stesso.

Per esercitare il diritto di recesso e le modalità di rimborso vedi il paragrafo "Politica di Rimborso".

Procedura di reso
Il Cliente dovrà contattare direttamente il negozio da cui ha acquistato il bene tramite i diversi sistemi presenti nella descrizione del negozio (e-mail, numero di telefono, pec) al fine di concordare la riconsegna del bene o il cambio. Ogni negozio è direttamente responsabile per ogni vendita da esso effettuata per tutte le fasi del processo di vendita così come previsto dalle normative vigenti.

Nel caso in cui si presentino difficoltà a determinare le condizioni di reso con il negozio 1solo.com agirà per tutelare i diritti del Cliente finale. 

Il negoziante o il collezionista avrà il dovere di accettare il recesso se la relativa comunicazione da parte del Cliente avviene entro il periodo previsto dalle normative e pari a 14 gg. dal momento della ricezione (ATTENZIONE: il termine parte dal giorno di ritiro del prodotto da parte del Cliente finale e non dalla data in cui viene spedito) con costi di spedizione o consegna comunque a carico del Cliente. Una volta ricevuto il bene da parte del Cliente finale il negoziante ne verificherà l’integrità. In caso non avvengano contestazioni di sorta (a mero titolo esemplificativo senza presunzione alcuna di esaustività: prodotto palesemente manomesso o rovinato, prodotto rotto, ecc.) da parte del negoziante, quest’ultimo avrà un tempo di 10 (dieci) gg. lavorativi per poter effettuare il rimborso con le modalità concordate con il Cliente finale.

Scarica QUI il modulo di richiesta di reso.

Domande di carattere generale

Non ci sono ancora richieste.

TORNA SU